FunFiction

E se le stelle ci guardassero? by Gatto
[recensioni - 0] stampa
- dimensione testo +
nota dell'autore:
prima di leggere questo racconto anche se breve, vorrei che pensaste come una stella e non come una persone, perchè secondo me si comprende meglio il testo seguente.
Io sono una stella, ma tutti gli umani mi chiamano sole. Fin dall'antichità sono stata venerata e ora porto luce e calore. Molti umani mi studiano con i loro telescopi e io osservo loro, li vedo così indaffarati, mi chiedo ancora cosa stanno cercando. Per tutta la mia vita gli ho osservati e li ho visti crescere ed evolversi, ma non credo che sia cambiato molto, perché la mente è la stessa, una testa stupida che si pone mille domande senza risposta, che vuole essere qualcuno, ma in fondo bisogna essere per forza qualcuno che conta? Gli umani continuano ad uccidersi a vicenda, secondo noi è una cosa insensata, insomma l'uomo ha inventato la bomba atomica, ma io non ho mai sentito dire che un topo abbia costruito una trappola per topi.
Secondo loro per essere forti, potenti, furbi, bisogna vincere le guerre a sopprimere i più deboli, che mente assurda!
Gli uomini sono nati su una terra che si poteva definire un diamante, mentre ora la stanno distruggendo e alcuni uomini si stanno preoccupando, ma non fanno ancora niente di concreto, stanno distruggendo un diamante che gli è stato regalato e lo rovinano solo per soldi, è proprio vera allora la frase : Non esiste il bene o il male... Esiste solo il potere e chi è troppo debole per usarlo. Sono parole forti, ma purtroppo vere, forse non tutti la penseranno come me perché in fondo sono solo una stella in mezzo all'infinito, e così gli uomini si credono grandi e potenti, ma in fondo non sono nulla, sono soltanto dei granelli di polvere in mezzo all'universo.